La Cucina Evolution di Chiara Manzi: pizza (e non solo) #BuonaDaVivere

cucina-evolution-pizza-libra-bologna

Cos’è Cucina Evolution

Cucina Evolution buona da vivere è la rivoluzione culinaria della nutrizionista Chiara Manzi. Già dallo slogan conduce ad un approccio alimentare sano e moderno, che unisce la salute al piacere della buona tavola.

Questo spirito salubre e rilassato si ritrova nel tempio di Cucina Evolution, il ristorante Libra in via Testoni 10 a Bologna: il primo locale aperto al pubblico per gustare la cucina italiana antiaging in un’esperienza di benessere che coinvolge il palato e la vista, ma anche il cuore.

Dico questo perché ho avuto il piacere di provarlo di persona (e con le mani in pasta!) in una serata dedicata al simbolo della convivialità italiana: la pizza.

pizza-evolution-ricetta-chiara-manzi
Pizza margherita Evolution

Con la splendida accoglienza dei padroni di casa, la dottoressa Manzi e lo chef Riccardo Cipolla, ho potuto cimentarmi nella ricetta della Pizza Evolution e scoprire per voi i segreti di un piatto che non nutre soltanto, ma è anche un elisir di lunga vita!  

Ovviamente questa pizza l’ho anche assaggiata, al proposito leggete in fondo al post la mia opinione sulla Pizza e la Cucina Evolution.

Come nasce Pizza Evolution

Dall’unione tra l’attività di ricerca della nutrizionista Chiara Manzi che mette al centro scienza e golosità e la sapienza dello Chef Riccardo Cipolla, nasce Pizza Evolution: una pizza con valori nutrizionali migliori di un’insalatona, più fibre di sei piatti di insalata e metà delle calorie rispetto ad una pizza tradizionale.

La ricetta è stata creata seguendo le raccomandazioni della Cucina Evolution ovvero più fibra e antiossidanti, meno sale, grassi e zuccheri.

Pizza Evolution, i segreti e la ricetta

pizza-evolution-chiara-manzi-bologna
Preparazione della Pizza Evolution

I segreti della Pizza Evolution si possono riassumere in questi punti:

  • Ha un impasto meno calorico perché ad alta idratazione, realizzabile grazie all’utilizzo di farine macinate a pietra di grano e farro integrale;
  • Contiene inulina, una fibra prebiotica che oltre a far bene all’intestino contribuisce al senso di sazietà, non aumenta la glicemia e facilita l’assorbimento di ferro, calcio e magnesio;
  • E’ preparata con lievito naturale (madre), con una biga di 24 ore. La lunga lievitazione diminuisce gli zuccheri ed aumenta la digeribilità;
  • Contiene poco sale, la cui assenza è compensata dall’ottima qualità degli ingredienti nella farcitura come il pomodoro 100% italiano Rustipizza Le Conserve della Nonna;
  • La base è sottoposta a precottura e raffreddamento in frigorifero a 4 gradi, procedimento che consente la retrogradazione dell’amido con il duplice vantaggio di una maggiore digeribilità ed un “taglio” calorico del 10%; 
  • Dopo il raffreddamento la base viene farcita e cotta pochi minuti fino ad essere leggermente dorata. Si evita così la formazione di acrilammide, una sostanza cancerogena che purtroppo si sprigiona naturalmente con la cottura degli amidi.

Per provare a preparare una pizza del benessere anche a casa, ecco per voi la ricetta della Pizza Evolution di Chiara Manzi:

Cucina Evolution, la mia recensione

La Cucina Evolution è la prova che si può, anzi si deve, imparare a coniugare a tavola benessere e buon gusto. La Pizza Evolution è il simbolo di questa filosofia: leggera e digeribile quanto fragrante e saporita; non teme certo il confronto con le pizze tradizionali!

Il mio consiglio è di provarla, a casa e (se avete occasione) nell’atmosfera unica del ristorante Libra a Bologna.

ristorante-libra-bologna-cucina-evolution
Il ristorante Libra a Bologna
cucina-evolution-pizza-ristorante-libra-bologna
Degustazione Pizza Evolution insieme a Giulia Golino, Cook Eat Love

 

Se provi una mia ricetta taggami #ricettevegolose: la condividerò con piacere sui miei canali social  InstagramFacebook e Twitter,.

Mi trovi anche su Pinterest, Bloglovin e YouTube con le mie idee per uno stile di vita sano.
A presto 😉
Alice

You may also like

2 commenti

  1. Mi sto avvicinando in questi giorni alla cucina evolution, ho acquistato il libro e il cofanetto con le ricette e la pizza viene effettuata con altri ingredienti: farina 00 + piccola percentuale farina integrale e lievito di birra. In diversi video che poi ho ascoltato, la Dott.ssa Manzi dice che la lievitazione lunga aumenta gli zuccheri, quindi alza l’indice glicemico. Scusami, la mia non è polemica, ma voglio solo capire. Anche perchè mi piacerebbe molto usare altre tipologie di farina e il lievito madre. Grazie!!!

    1. Ciao Cecilia, piacere di conoscerti! Da come scrivi sei una persona molto gentile e mi fa piacere confrontarci sui tuoi dubbi, mi sembra più che costruttivo! Il discorso dell’indice glicemico che si alza è corretto per quanto riguarda le farine raffinate. Se usi le farine integrali invece ci sono le fibre che lo tengono a bada 😉 Personalmente dal corso di pizza che ho raccontato in questo post, ho portato con me l’insegnamento di cuocere la pizza il minimo indispensabile, per evitare il generarsi di sostanze dannose per la salute. Per quanto riguarda invece le farine e la lievitazione, che ho studiato in varie altre occasioni, penso proprio che un lievitato 100% integrale con lievito madre sia quanto di più buono per la nostra salute. A questo proposito ti invito a leggere sia la ricetta del mio impasto per pizza integrale qui sul blog, che la guida al lievito madre. Per qualsiasi altro dubbio o informazione scrivimi pure! A presto e grazie a te per il tuo commento così interessante 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.