Crostata integrale senza burro

crostata-integrale-light-senza-burro

Crostata integrale senza burro: una ricetta semplice, ma speciale! Di quelle che vengono dal vecchio quaderno della mamma, fatto di pagine scritte insieme, stropicciate dai tanti momenti trascorsi in cucina.

Questa crostata non ha il solo pregio di essere più light, perché fatta con olio e farina integrale, ma anche di essere una crostata facile e veloce da preparare. Provatela, per una sana colazione o merenda dal sapore genuino di un dolce tradizionale fatto in casa.

crostata-integrale-senza-burro

Quello che amo di più di questa crostata integrale senza burro è la sua speciale croccantezza, data anche dall’uso dello zucchero di canna i cui cristalli restano intatti in superficie, donando alla crostata una consistenza rustica adorabile!

Zucchero Integrale di Canna Ecuador - Dulcita
Non raffinato

Voto medio su 157 recensioni: Da non perdere


La ricetta della crostata integrale senza burro della mia meravigliosa mamma si presta a varianti, da noi testate con successo:

Per quanto riguarda le farciture, la nostra preferita è con le marmellate che prepariamo in casa (anche senza zucchero), ma per i più golosi la crostata integrale senza burro è senz’altro ottima anche con una crema di nocciole e cioccolato, così come con frutta quali pesche, mele e pere spolverate con frutta secca tritata.

La preparate con noi?

crostata-integrale-light-senza-burro

Crostata integrale senza burro

Preparazione 15 min
Cottura 30 min
Tempo totale 1 h 15 min
Porzioni 8 persone

Ingredienti
  

  • 225 grammi farina integrale
  • 100 grammi zucchero di canna
  • 80 grammi olio di girasole, di mais o di oliva delicato
  • 1 uovo grande*
  • 1 cucchiaino lievito per dolci
  • 1 pizzico sale
  • 1/2 bacca vaniglia
  • 1 limone non trattato
  • q.b. acqua
  • 300 grammi marmellata

Istruzioni
 

  • Mescolate in una ciotola (anche nella planetaria) l'uovo o il suo sostituto con lo zucchero, i semi della bacca di vaniglia, la scorza del limone e l'olio, fino a ottenere un composto omogeneo.
  • Unite farina integrale, lievito e sale ed impastate quanto basta per ottenere un panetto liscio e compatto. Se l'impasto dovesse risultare asciutto aggiungete acqua, poca per volta. Terminato l'impasto mettetelo a riposare in frigo per almeno 30 minuti.
  • Trascorso il riposo accendete il forno a 180°C, stendete 2/3 della frolla in un disco spesso mezzo centimetro ed adagiatelo in una teglia di 22-24 cm di diametro. Considerate di lasciare in altezza un bordo alto 1 cm, tagliate l'eventuale eccesso di impasto e unitelo a quello lasciato da parte.
  • Versate la marmellata sulla base della crostata, stendetela bene col dorso del cucchiaio e poi stendete la frolla rimanente per creare i decori da adagiare sulla superficie: dalle classiche strisce a quant'altro la fantasia vi suggerisca!
  • Infornate la crostata integrale e lasciatela cuocere per 30 minuti. Sfornatela, lasciatela intiepidire e gustatela!

Note

*per la variante vegana della crostata integrale, potete sostituire l'uovo con:
  • 50ml di latte di soia, per una frolla morbida;
  • 1 cucchiaio colmo di semi di lino tritati (o farina di lino) + 50ml di acqua, se preferite invece una frolla più croccante.
La crostata integrale senza burro si conserva perfettamente a temperatura ambiente, in un contenitore ermetico o sotto una campana di vetro, per 4-5 giorni. In alternativa potete conservarla in frigo fino ad una settimana, oppure congelarla da cotta e lasciarla scongelare lentamente in frigo prima di consumarla.

Se provi una mia ricetta taggami #ricettevegolose: la condividerò con piacere sui miei canali social Facebook, Twitter, Instagram, e Google+.

Mi trovi anche su Pinterest, Bloglovin e YouTube con le mie idee per una vita sana e golosa!
A presto 😉
Alice

Iscriviti alla mia NEWSLETTER MENSILE per ricevere GRATIS consigli e ricette per uno stile di vita sano, in armonia con la natura.

Receive FREE TIPS & RECIPES for a healthy lifestyle by signing up to my monthly newsletter.

Il tuo indirizzo e-mail resterà privato e potrai cancellarti in qualunque momento.
I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

You may also like

12 commenti

  1. Ciao!
    Ho preparato una frolla con farina di farro giusto l’altro ieri, prima di scoprire la tua ricetta solo adesso!
    Ho utilizzato 200 g di farina integrale di farro e un uovo.
    Mi sono accorta però che l’impasto tendeva a sbriciola. Anziché aggiungere un albume/tuorlo di un secondo uovo, risolverei il problema aggiungendo dell’acqua?

    Grazie in anticipo per l’aiuto.
    Maria

    1. Ciao Maria, piacere e benvenuta nel mio blog! La frolla preparata con farine integrali tende sempre a sbriciolarsi un pochino, questo per le caratteristiche della farina, però se le dosi della ricetta sono giuste, dovresti riuscire a stenderla con il matterello senza problemi. Per risolvere non credo possa aiutare l’aggiunta di acqua, quanto piuttosto il corretto bilanciamento della ricetta. Se la prossima volta vorrai provare questa mia, posso garantirti che non avrai problemi, è una ricetta molto vecchia e collaudata passatami da mia mamma, che tra l’altro è cuoca di mestiere, vedrai che la stenderai benissimo e sentirai che bontà ☺️ grazie a te per essere passata da qui e a presto ❤️

  2. Ti ringrazio tanto per avermi risposto! 😍
    La seguirò pedissequamente allora!🥰
    Mi sono permessa di scriverti perché la differenza tra la tua ricetta e quella da me seguita sta nel fatto che (sempre per uno stampo da 24cm di diametro): io ho utilizzato 200g di farina (tu ne utilizzi 225g), 80g di zucchero (tu 100g) e tu bacca di vaniglia (io solo scorza di limone).
    Poi gli altri ingredienti stessa quantità anch’io!
    Ecco perché mi sono sorpresa e ho pensato che il problema possa essere il tipo di farina o la marca🙄

    1. Eh si sono piccole differenze a livello di ricetta, ma soprattutto nella pasticceria possono fare davvero la differenza ☺️ prova la ricetta di mia mamma e vedrai sarai molto soddisfatta 😉

  3. Ciao! Scusami se ti disturbo ancora!
    Ti scrivo per sapere come comportarmi in caso di eventuale difficoltà ed evitare di scriverti sul momento.
    Siccome la farina di farro ha una certa resa (così come altre farine), se dovessi rendermi conto che risulta secca, si sbriciola o fa fatica a compattarsi, cosa mi consigli di fare?
    Con 200g di farina, 80f di olio e 1 uovo, ho avuto proprio questa difficoltà .
    Seguendo la tua ricetta dovrò utilizzare più farina (il che renderebbe ancora più secco il composto rispetto all’ultima volta😅).
    Cosa mi consigli di fare, nel caso?
    Ti scrivo adesso così evito pasticci dopo..

    Grazie per gli eventuali consigli!!
    Maria

    1. Ciao Maria, nessunissimo disturbo tranquilla ☺️ con questa ricetta, pur facendola con diverse farine, non mi é mai capitato di dover aggiungere qualcosa per far compattare l’impasto, ad ogni modo se dovesse succedere puoi aggiungere un poco di albume d’uovo o, in mancanza, pochissima acqua fredda 😉

  4. L’ho preparata ieri pomeriggio!
    Sapore eccezionale! 😍
    Ho aggiunto leggermente dell’acqua fredda, ma roba da poco.
    Unica cosa che non capisco è perché sia risultata sbriciolosa..
    Già solo tagliandola prima di servirla, il bordo si rompeva un po’

    1. Wow, sono felicissima 🥰 a questo punto mi sento di dirti che è “colpa” della farina, evidentemente è molto ricca di fibre e scarsa in glutine, per questo tende a sbriciolarsi facilmente 😅 grazie mille per il tuo feedback e buon fine settimana 😘

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recipe Rating




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.